<?php echo e($model->title); ?>

La video intervista di Cocooners a Lidia Ravera

La scrittrice parla della collana Terzo tempo di Harmony e molto di più

Di Viviana Musumeci

Avremmo dovuto realizzare l'intervista con Lidia Ravera in una diretta Facebook qualche giorno fa. Purtroppo, a causa di alcuni disguidi tecnici non è stato possibile realizzarla ( ndr qualcuno sostiene che quel giorno ci fosse la Luna piena e che in questi casi non si dovrebbe procedere nel fare nulla, tantomeno fare conto sulle tecnologie); sta di fatto che, cotta e mangiata, la diretta si è trasformata in una chiacchierata informale via Google Meet dove la scrittrice, ideatrice e direttrice della collana Terzo Tempo di Harmony (Harper Collins) ha espresso in maniera efficace e netta la sua visione dei "tempi supplementari" ovvero quella fase che di norma viene considerata calante, ma che di fatto rappresenta solo un momento della vita non peggiore,  necessariamente, rispetto agli altri: del resto i momenti no li abbiamo vissuti da piccoli, durante l'adolescenza, al compimento dei 40 anni. Insomma, come c'è sempre una buona ragione per lamentarsi, esistono anche tanti buoni motivi per apprezzare i vantaggi del tempo che passa inesorabilmente.  

Ecco alcuni passaggi dell'intervista che trovate per intero nel video qui di seguito:

Come chiameresti i "perennials"?

LR: Grandi adulti. Con due belle maiuscole.

 

Come è nata l'idea di dedicare a questo pubblico particolare una collezione di libri dedicata al terzo tempo?

LR: L'idea mi è venuta quando mi sono interrogata sul perché trovassi così schifosa la mia età. In fondo sto bene, faccio quello che mi piace e sono privilegiata. Perché questa angoscia? Poi ho incominciato a guardarmi attorno, ho incominciato a interrogare anche le altre donne, privilegiate come me, carine e anche loro avevano lo stesso problema. E allora ho capito che la questione ruotava intorno agli aggettivi squalificativi che vengono accoppiati a questa parte della vita. Dato che le parole le so usare e le uso bene, ho deciso di mettere a disposizione la mia prosa a servizio di una ristrutturazione radicale dell'immaginario collettivo sull'invecchiare perché l'invecchiare è "il" problema.

 

Il resto dell'intervista lo trovate nel video qui di seguito

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...