<?php echo e($model->title); ?>

Avete mai pensato di ritornare alle merende fatte in casa?

Break sani e nutrienti: i consigli per i nonni che curano i nipoti

Di Serena Bertei

Mi ricordo che quando ero bambina mia nonna Giuseppina, classe 1918, per merenda mi dava spesso della banana schiacciata o la sua personale versione della focaccia.

La prima, che è diventata per me una sorta di comfort food, era una squisitezza dalla ricetta semplicissima, che la nonna preparava tagliando a rondelle una banana matura, schiacciandola con una forchetta e aggiungendo un goccio di limone e abbondante zucchero.

La seconda, la sua “focaccia”, era la base di un panino, generalmente una rosetta, condita con un filo d’olio d’oliva, un pizzico di sale e una fetta di salame Milano.

Insomma, dal punto di vista alimentare, i miei pomeriggi più folli sono stati quelli in compagnia di un soldino Mulino Bianco. Da allora sono passati quasi trent’anni e alle nonne di oggi vengono in aiuto tutorial su YouTube, riviste e libri che parlano di come soddisfare il palato dei bimbi di tutte le età e ricerche su come preparare la merenda pomeridiana.

Il momento della merenda è importante, perché dà ai più piccoli la possibilità di fare una pausa e prendersi del tempo per dare la carica al corpo e riposare la mente. Tra un compito e l’altro, lo sport o una partita ai videogame, uno snack è proprio quello che ci vuole. E che sia la merenda dell’intervallo a scuola o quella di metà pomeriggio, ciò che conta è che sia una merenda sana per bambini.

Conquistare i bambini non è facile, ma con l’aiuto di forme divertenti e ingredienti sfiziosi gli spuntini possono diventare parte di una dieta bilanciata e nutriente.

Noi vi proponiamo quattro ricette e un libro per sperimentare in cucina.

Barrette di albicocche e mandorle senza cottura

Barrette di ogni tipo riempiono gli scaffali dei supermercati, ma ne esistono molte varianti facili da preparare anche nella cucina di casa. Pratiche e dalla lunga conservazione, sono perfette da mettere nello zaino della scuola o nella sacca della palestra.

Io mi sono innamorata della versione senza lattosio di Jamie Oliver. Le sue barrette di albicocche e mandorle sono una merenda sana e veloce da preparare. Tritate 300 grammi di albicocche disidratate in un robot da cucina fino a quando diventano appiccicose, aggiungete quindi 2 cucchiai di melassa di melograno e 2 cucchiai di miele liquido. Versate il tutto in una ciotola e unite 150 grammi di mandorle tostate, 55 grammi di farina di cocco e 55 grammi di cereali (io preferisco il riso soffiato o i più classici corn-flakes, che aiutano a rendere il composto croccante). Trasferite il composto su una placca da forno e appiattitelo con le mani. Dopo che avrà riposato per qualche ora tagliatelo in 16 pezzi circa e incartateli uno ad uno con della carta da forno.

I brownies ai broccoli

Il più classico dei dolci da condividere con tutta la famiglia, i brownies sono biscotti al cioccolato dal cuore morbido, irresistibili e facili da mangiare anche a passeggio. Ciascuno ha la sua ricetta, ma quella che vi consiglio è la più divertente e particolare, perché c’è dentro un elemento davvero speciale, ricco di sali minerali e vitamina C: il broccolo. Gli ingredienti che occorrono non sono molti: 4 uova, 300 grammi di broccoli, 200 grammi di zucchero di canna, 26 grammi di burro, 260 grammi di cioccolato fondente, 135 grammi di farina, una bustina di lievito vanigliato e 25 grammi di cacao amaro in polvere. Con l’aiuto di un mixer frullate il broccolo. Nel frattempo fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato e il burro, quindi incorporate il broccolo, il cacao amaro e battete il tutto con una frusta. Aggiungete le uova, la farina precedentemente setacciata e lo zucchero di canna. A questo punto versate il composto in una teglia rettangolare e infornate a 180 gradi per 25 minuti. Vedrete che la superficie avrà un aspetto croccante mentre l’interno resterà più morbido. Lasciate raffreddare prima di servire.

Crackers al gusto pizza senza glutine e senza lattosio

Questo semplice spuntino, per la sua facilità di preparazione, si può realizzare con l’aiuto dei più piccoli. Basta tritare tre pomodori secchi e aggiungere 160 grammi di farina di mandorle e un pizzico di origano. Poi unite un uovo intero leggermente sbattuto. Lavorate gli ingredienti e stendete l’impasto su una teglia foderata con carta da forno. Aiutatevi con delle formine per tagliare il composto e mettete i crackers in forno preriscaldato a 180 gradi per 10 minuti.

I Popcorn

Avete letto bene! Forse può sembrare strano, si pensa sempre che i popcorn non siano molto sani perché cucinati con vari coadiuvanti grassi, come siamo abituati a mangiarli al cinema, con burro, sale e anche caramello, ma in realtà al naturale contengono pochissimi grassi, zuccheri semplici, sodio e fibre.

Le prime varietà di mais adatte per fare i popcorn furono coltivate già dagli Aztechi in Messico. Nel 1885, a Chicago, apparve la prima macchina elettrica dotata di ruote per la loro produzione, che grazie al calore riusciva a far espandere l’amido di mais all’interno del chicco e dava vita allo scoppio che tutti conosciamo bene.

Farli in casa è semplicissimo, basta versare in una padella due cucchiai di semi di mais, cospargerli di olio in modo uniforme e accendere il fuoco. Non appena la padella inizierà a scaldarsi, copritela con un coperchio e aspettate lo scoppio, ma ricordate di muovere la padella di tanto in tanto per tenere separati i chicchi. Al naturale, i popcorn

Il libro che vi segnaliamo è: “Semplicemente Green” di Cristina Mauri 

Come ci spiega l’autrice: “La cucina è soprattutto condivisione, e per questo deve poter accontentare le esigenze di tutti, in famiglia e tra gli amici, grandi e piccoli”. Cristina propone, tra le numerose ricette Veg, anche alcune gustose idee per la merenda. La mia preferita è sicuramente la sua versione del Banana Bread che arricchisce, nella stagione autunnale, con castagne lessate o fettine di arancia. L’autrice ci regala una visione del mondo Veg che appassiona grandi e piccini.

E a voi che merenda piace?

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...