<?php echo e($model->title); ?>

Medie lunghezze e colore, il must delle over 60

A fare la differenza, secondo l’hair stylist Cristiano Russo, la qualità del capello.

Di Veronica Timperi

Oggi le donne over 60 sono ben distanti dallo stereotipo di un tempo, in cui erano casa e nipoti con pettinature, tagli e colori di capelli all’antica, raccolti o corti perché così, la vulgata sosteneva, fossero più semplici da curare senza essere trasandate o sembrare donne alla ricerca della giovinezza perduta. Le sessantenni di oggi vivono davvero una sorta di seconda giovinezza, ma con una maggior consapevolezza di sé, che dona loro una luce particolare rendendole bellissime e raggianti perché consapevoli e sicure di sè. Esempio lampante sono star del calibro di Diane Keaton, Meryl Streep, Susan Sarandon, Michel Pfeiffer e la nostra Ornella Muti.

Un modo di guardare alla vita che traspare anche dal loro look, che spesso rifiuta i toni cupi, i mocassini sobri e le longuette, adornate da chiome curate che ne valorizzano il viso, questo quando, chiaramente, non ci sono problemi legati alla perdita di capelli.

Cocooners ha fatto qualche domanda a Cristiano Russo, esperto hair stylist con due saloni di bellezza nel centro di Roma, grande esperto di immagine e di bellezza dei capelli.

Qual è il primo consiglio che si sente di dare a una cliente che ha superato i 60 ma non vuole rinunciare a un taglio medio/lungo?

Oggi le donne, in generale, hanno una maggiore cura dei capelli rispetto al passato. A prescindere, comunque, dall’età, a nessuno piace averli crespi od opachi, perché appesantiscono l'immagine donando subito un effetto sciatto e trasandato.  

Quali sono i trend attuali in fatto di capelli over 60?

Tra le nuove tendenze spicca quella di lasciare i capelli con il proprio colore naturale, che può essere tendente al bianco o al classico sale e pepe (ndr vedi Andie MacDowell sul red carpet dell'ultimo Festival di Cannes). In questo caso, però, è importante utilizzare prodotti anti-ingiallimento e maschere illuminanti. Il "naturale" che si vede sfilare o che viene mostrato dalle attrici richiede molta cura e di naturale ha poco. Se scegliete di non tingere i capelli, per evitare l’effetto ‘trascurato’ di cui si parlava prima, è importante seguire una routine che li nutra facendoli risplendere”.

Le donne dopo i 60 prediligono tagli corti e sbarazzini o lunghi?

Si potrebbe pensare che la prima proposta, quella del taglio corto, sia anche quella che viene in mente prima a una donna over 60 che vada dal parrucchiere, ma la realtà ci dice altro: oggi sono sempre di più le donne che scelgono di avere una chioma lunga o medio-lunga. Lasciare i capelli più lunghi dipende sempre dalla propria personalità, ma, soprattutto in caso di persone più mature, anche dalla qualità dei capelli. Per questo la cura è ancora più importante.

Quindi se i tagli medio-lunghi sono quelli che vengono maggiormente richiesti, quali sono le caratteristiche specifiche?

Per la scelta del taglio, è importante partire dallo studio della forma del viso, individuando i punti da valorizzare e eventuali proporzioni da riequilibrare. Tra le scelte più richieste, c’è il classico taglio fino alle spalle, molto scalato per donare movimento e volume, lasciando il ciuffo davanti più lungo. A me personalmente piacciono molto i tagli fin sopra la clavicola, con frangia a tendina o ciuffi più lunghi, magari impreziosito da un colore più deciso.

E il colore, invece, che ruolo ha in questo specifico hair-look?

Per le over 60, infatti, spesso è il colore a fare la differenza. Io consiglio sempre di orientarsi verso tonalità chiare, dalla vaniglia al miele, evitando però sfumature troppo chiare o il color cenere. Questo perché, a differenza di quelle scure che tendono a chiudere un po’ il volto sulla parte davanti, riescono ad aprire lo sguardo, alleggerendo e illuminando tutto il volto.

E, invece, qual è la proposta per le donne che hanno i capelli più scuri?

Anche a chi ha i capelli naturalmente scuri, consiglio di schiarire un po’, magari gradualmente, soprattutto sulla parte davanti. Possiamo scegliere tonalità più caramellate, bronze, o anche nocciola. A me non piace molto il colore piatto, soprattutto quando parliamo di donne over 60, perché poi si rischia di avere un risultato finale un po’ spento e privo di personalità. Meglio schiarire un po'.

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...