<?php echo e($model->title); ?>

La postura e le emozioni sono interdipendenti

Il body language applicato

Di Noemi di Gioia

Con l’avanzare degli anni si manifestano varie modifiche a livello posturale, che soprattutto negli anziani influiscono non solo sulla struttura muscolo-scheletrica, con l’aumento del rischio di cadute, ma anche possono far insorgere problemi digestivi e respiratori e, poiché il sangue non fluisce liberamente, possono aumentare la possibilità di infarto e di ictus.

Non tutto però è perduto, in quanto la ginnastica posturale ed in generale l’esercizio fisico, associato ad uno stile di vita sano, possono aiutare a mantenere un corretto allineamento delle ossa e delle articolazioni, che permette così ai muscoli un buon funzionamento. Migliorano inoltre
la circolazione e la respirazione e gli organi interni riprendono la loro posizione naturale, liberi da ogni tipo di compressione.

Postura ed emozioni: come si influenzano

Il più delle volte però non basta intervenire solo a livello fisico, in quanto la postura non dipende soltanto da elementi strutturali del corpo e dalle sue funzioni biochimiche, ma anche dalle emozioni. La mente ed il corpo infatti non sono entità separate, ma interagiscono l’una con l’altra. Come la nostra mente influisce sulla postura, così questa a sua volta può influenzare il nostro stato d’animo. Facciamo un esempio: quando siamo arrabbiati o tristi, irrigidiamo i muscoli, incurviamo la schiena ed incassiamo il torace, rendendo così la respirazione più difficoltosa. Con la postura scorretta si mandano al cervello segnali negativi. Quest’ultimi produrranno ulteriori emozioni negative, creando una spirale dannosa, che si autoalimenta e che ci farà mantenere nel tempo posture scorrette. Al contrario un atteggiamento posturale corretto e motivante può favorire il buon umore e la serenità.

Riconoscere le emozioni, per correggere la postura e migliorare il benessere psico-fisico

Le posture, che assumiamo in varie situazioni e nei rapporti interpersonali, sono modalità del linguaggio del corpo, che, è la forma più importante di comunicazione, in quanto è l'espressione immediata delle nostre emozioni. Il linguaggio del corpo infatti trasmette tutti i segnali consci ed inconsci, grazie ai quali possiamo capire anche quegli stati d’animo, che in realtà potrebbero essere nascosti da una comunicazione verbale. 
Tra i vari studiosi Lowen, (Il linguaggio del Corpo, Feltrinelli, 2007) afferma che l'organismo umano si esprime più chiaramente con il movimento che con le parole: nelle pose e nell’atteggiamento parla un linguaggio, che anticipa e trascende l'espressione verbale.
Una volta escluso che le tensioni nel corpo derivano da cause organiche, bisogna perciò osservare la nostra motilità e gli atteggiamenti posturali, per capire quali emozioni possano esserne la causa.
Il loro riconoscimento ci mette maggiormente in contatto con noi stessi e soprattutto, facendoci prendere consapevolezza delle nostre emozioni, ci permette di gestirle al meglio, di contrastare dolorose somatizzazioni e di migliorare così il nostro benessere psico-fisico.

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...