<?php echo e($model->title); ?>

Catamarano Nostrum

Perché dovete fare adesso una vacanza in catamarano nel Mediterraneo

Di Guido Daelli

Se volete provare un modo facile e fantastico per vivere il mare, una vacanza in catamarano è quello che fa per voi. Sarete su un tappeto volante che si muove sull’acqua. Sarà un navigare comodo, sicuro, luminoso e ampio con un punto di vista insolito. Guarderete il mare dall’alto, da un attico affacciato al sole e sulle onde. Solo che il vostro attico si muove sull’acqua… E se c’è un momento in cui la magia di questa navigazione raggiunge il suo apice, questo è adesso.

In vacanza a settembre

La coda dell’estate quando scegliere di navigare lentamente fra la Costa Smeralda, o l’Isola d’Elba, Capraia e Arcipelago Toscano oppure nelle mitiche e vulcaniche Eolie o fra i colori violenti della Costiera Amalfitana, sarà un’esperienza indimenticabile. Credeteci, non è una promessa da marinaio. Sì. il catamarano è l’apoteosi della navigazione, specialmente quella in totale relax. Sarete lontano da tutti (sole a parte perché quello sarà sempre al vostro fianco) e vicino solo a chi vorrete. Insomma, sarete dei privilegiati: leggere per credere.


Il catamarano è la barca dello spazio, della comodità. Nessuna necessità di ritagliarsi un angolo per prendere il sole come spesso si deve fare sul monoscafo. Qui sarete come in una solitaria spiaggia abitata da tutte le vostre comodità: cibo, bevande fresche, camera (chiamatela cabina) con aria condizionata e bagno privato. Il catamarano è la barca ideale per festeggiare oppure per fare yoga, e perché no, per isolarsi a leggere (mantenendo debita distanza) da tutti. La sua forma piatta e larga, comunica molta sicurezza ed elimina la più evidente scomodità dell’andare in barca a vela: la navigazione sbandata con la barca inclinata. I vostri piedi saranno sempre in piano, e mai sarete costretti a inventarvi posizioni da Geco per muovervi a bordo o puntellarvi per bere un bicchiere di acqua. Non è una cosa da poco, fidatevi. Dubbi? Provate così: la barca a vela è come ascoltare gli Iron Maiden, il catamarano Frank Sinatra. E ora andate su Spotify, provateci e tutto sarà assolutamente
chiarissimo.

 

Barca a vela o catamarano?


La dinette ovvero lo spazio dove mangerete o trascorrete le ore molto calde della giornata non è “dentro allo scafo” come nelle barche a vela tradizionali (sì anche le più grosse), ma sullo stesso livello di dove prendete il sole e passerete la giornata. Questo vuol dire che il catamarano è una barca su un unico piano. Sembra un dettaglio. E invece no. Perché questo significa non dover mai scendere, quindi non avere i gradini che in navigazione non sono comodi (insomma i pigri su un catamarano non soffriranno) e, non banale, essere sempre alla luce del sole, alla
brezza del vento. Sempre. E poi questa dinette vi ricorderà una luminosa sala da pranzo, galleggiante. La cucina non avrà nulla da invidiare a quella di casa, sia per la disposizione che per le dimensioni e soprattutto per gli accessori: lavastoviglie, ampio frigo, cantina vini, e udite udite: lavatrice. Solo per questo il catamarano vince 8 a 0 a tavolino contro la barca a vela.

E poi questa zona diventerà il centro del mondo. Un’Agorà galleggiante dove accade tutto. La piazza del paese, che al posto del campanile è dominata dall’albero della randa. Sarà il punto nevralgico delle vostre giornate. E delle vostre serate. E poi il catamarano è molto altro. Vi sembrerà di camminare sull’acqua. Mentre vi muoverete scoprirete l’incredibile esperienza di prendere il sole sdraiati sulla rete che a prua unisce i due scafi. Una rete che vi permette di vedere il mare scorrere sotto di voi per essere accarezzati dal vento sopra e sotto al vostro copro. Sentirete l’eco della voce quando parlate che vi ricorderà il privilegio di essere lì e quello delle onde del mare quando navigate. No. Non c’è niente che possa descrivere questa sensazione. Va provata.

 

Il catamarano: un'esperienza unica


Il catamarano è la barca delle sensazioni nuove. Di qualcosa mai provato prima anche per chi ha l’abitudine a navigare in mare. È puro e sano benessere alla portata di tutti. E poi questa sensazione si ripercuoterà su di voi. Se c’è un modo per ricaricare le batterie nulla come il catamarano è in grado di mettervi in pace con il resto del mondo, compresi voi stessi naturalmente. Stanchi, (ma felici)? È ora di andare a dormire. Qui inizia, anzi continua la magia.La  vostra ampia cabina con bagno vi aspetta. È collocata in uno dei due scafi e per raggiungerla dovrete scendere pochi gradini che partono dalla dinette e percorrere un corridoio. Niente paura, potete camminare in piedi e l’abitabilità è molto al di sopra delle aspettative. Nessun problema di spazio. Una volta entrati vi verrà voglia di conoscere l’interior designer che è stato così bravo a sfruttare gli spazi. Vi servirà pochissimo tempo per godere di questo intimo angolo di pace che vi farà sentire protetti come un abbraccio materno. Qui tutto è a porta di mano. Simpaticamente accessibile e disponibile per voi. La cabina di un catamarano è abitata da una grande dose di ergonomia che è impossibile ritrovare nella camera di un albergo, suite inclusa. È la magia degli spazi stretti, che il nostro corpo controlla e fa suoi in poco tempo. Vi sentirete bene, sicuri e ancora una volta felici di essere lì. Per questo sarete indecisi e dispiaciuti di dovervi alzare. Ma sopra c’è un altro fantastico mondo fatto di luce, mare, sorrisi e gioia quindi avrete un buon motivo per andarci.

Tranquilli la vostra cabina capirà.

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...