<?php echo e($model->title); ?>

Walking tour dei “5 borghi” nella Toscana che non ti aspetti

In Val di Lima camminando slow tra boschi e sentieri affascinanti

Di Rita Bossi

Nel cuore della Toscana, c’è una valle fantastica. È la Val di Lima, una terra ricca di fiumi e torrenti incontaminati, una vegetazione selvaggia e paesaggi appartati che fanno da sfondo a uno dei cammini più affascinanti tra natura e storia. È il trekking – o sentiero – dei Cinque borghi, un itinerario da fare a piedi, “slow way”, non troppo faticoso, organizzato da E20Avventure, che propone anche diverse attività all’aria aperta, adatto a tutti purché s’indossino scarpe comode, che tocca cinque piccoli abitati isolati sulle montagne; sono collegati tra loro da un sentiero che spesso è uno sterrato in mezzo ai prati, ma a volte un minuscolo percorso in mezzo al bosco, che regala meravigliosi scorci naturalistici e incontaminati. Si tratta di un itinerario ad anello e occorrono circa tre ore per completarlo, ma può essere anche più breve, visitando solo due o tre dei villaggi.

Cinque cammini da fare a primavera

Il sentiero parte da Pian di Ospedaletto, piccola frazione del Comune di Bagni di Lucca (Lu), lungo il torrente Lima. Dopo una dura salita, si cammina quasi in piano fino a raggiungere il primo dei cinque borghi, Pian di Fiume, dove spuntano case di pietra, una cappella e un agriturismo, il Pian di Fiume, dove fare pit stop per rifocillarsi prima di partire per il tour. Proseguendo lungo la strada sterrata si raggiunge il secondo borgo, Guzzano, che pare si sviluppò attorno a un podere assegnato, in epoca romana, a un certo Clutius da cui il paese prende il nome. Riprendendo il sentiero si arriva a Gombereto, che nel Medioevo si sviluppò all’ombra del “Castrum Controne”, il principale centro difensivo della Controneria, la zona più estesa e popolosa del Comune di Bagni di Lucca, collocato nella parte alta della collina. In quel periodo, proprio per la sua posizione strategica, qui c’era un castello, le cui tracce, percorrendo le vie del paese, sono ancora oggi visibili. Ogni anno, a fine estate, qui si organizza una delle più importanti feste medievali della zona. Sempre lungo la strada principale, seguendo le indicazioni, dopo qualche chilometro si raggiunge San Gimignano, il più grande dei cinque borghi, formatosi intorno all’omonima chiesa. Infine, si arriva a Pieve di Controne, forse il più importante dei cinque dal punto di vista storico, in quanto sede di una famosa pieve. Il profilo del borgo dalle case basse è interrotto solamente dal campanile della Chiesa di Santo Stefano di Bargi, una chiesa di origine romanica, fondata da San Frediano. Riprendendo il sentiero più ripido si torna al punto di partenza.

Percorsi in mountain bike nella vicina Valle del Serchio

Proprio sulle due ruote, al Renaissance Tuscany il Ciocco Resort & Spa, un resort circondato da un parco di 600 ettari, è possibile esplorare i dintorni e addentrarsi in mezzo alla campagna lucchese a Barga, nella Media Valle del Serchio. Qui è un vero paradiso per i super ciclisti e non, soprattutto della mountain bike. Da sempre infatti al Reinassence chi ama la bici è visto con un occhio di riguardo: esiste infatti un vero e proprio Bike Park, il sogno di ogni sportivo: la pump track (il circuito per acrobazie) al coperto più grande d’Italia: è una struttura modulare creata con dossi e paraboliche, per tutti gli appassionati che desiderano allenarsi, mettersi alla prova o anche solo divertirsi. E poi ci sono i tour da fare all’aperto, dal “Flow Trail”, per gli espertissimi, all’ ”Easy and Family” per tutti, con tappe in enoteche top (da provare Còncori, cantina biologica e biodinamica), dove fare degustazioni e rilassarsi in mezzo alla natura. Per i pigri e i ghiotti ci sono però le belle camere, la spa, la piscina, gli ottimi ristoranti e una vista da paura!

Su e giù in bici per le mura di Lucca

A circa 35 chilometri da Barga si raggiunge Lucca, una delle città più romantiche e raffinate d'Italia, a misura d'uomo, con scorci inaspettati. Da scoprire in bici, noleggiata da Chrono Bikes, pedalando sulle mura cinquecentesche, oggi parco cittadino, tra grandi tigli. O lungo le stradine medioevali, alzando gli occhi a palazzi nobiliari e meravigliose chiese, come la basilica di San Frediano, con mosaici bizantini, e piazza dell'Anfiteatro con minuscole case pastello, costruita su un'arena romana, simbolo della città (proposte di tour a piedi da Turislucca). A due passi, Palazzo Pfanner, antica dimora dei mercanti lucchesi, con fantastico giardino all'italiana. Ma il giardino più prezioso di Lucca è l'Orto Botanico, un'isola di verde e biodiversità incastrata nel centro storico, dove si estende per circa due ettari, che conserva collezioni viventi di piante in un percorso di colori, suoni e odori di tutto il mondo. Notti incantevoli al Grand Universe Hotel Autograph Collection Lucca, palazzo storico adiacente al leggendario Teatro del Giglio, che fonde diverse epoche della storia: dalle fondamenta risalenti all'epoca romana con i resti dell'antica fontana nella wine cellar, al bellissimo design classico ma contemporaneo dell'hotel. Le stanze, tutte bellissime, sono ispirate al grande Maestro Giacomo Puccini e alla scena musicale lucchese del passato. ll Grand Universe è anche il luogo ideale dal quale partire per esplorare Lucca come veri local, assaggiare le specialità toscane e sorseggiare un calice presso la sommità Martin Orsyn Champagne rooftop, godendosi la meravigliosa vista sulla città.

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...