<?php echo e($model->title); ?>

Chi è Roberta Metsola, presidente del Parlamento Europeo

Da Malta al vertice della Comunità Europea

Di Cocooners

Nelle votazioni che si sono tenute nella giornata di ieri al Parlamento Europeo, la nuova presidente è stata eletta al primo turno. Si tratta di Roberta Metsola, eurodeputata maltese che ha ottenuto l’appoggio dei gruppi che costituiscono quella che viene chiamata "maggioranza Ursula" e che ha sostenuto in precedenza l’elezione di Ursula von der Leyen a Presidente della Commissione, e formata da popolari, liberali e socialisti democratici. Prima di arrivare alla presidenza del Parlamento, Roberta Metsola ha fatto parte della commissione per le "Libertà Civili" occupandosi del dossier relativo all’immigrazione e del report contro l’omofobia e contro le "discriminazioni di genere". La sua posizione personale è contraria a inserire tra i diritti umani l’interruzione di gravidanza.

Roberta Metsola eletta dopo David Sassoli

Il Parlamento Europeo torna ad essere guidato da una donna dopo 20 anni in cui si erano susseguite presidenze maschili, l’ultima dell’italiano David Sassoli, i cui funerali si sono svolti pochi giorni fa. Roberta Metsola Tedesco Triccas, con i suoi 43 anni è la Presidente più giovane in assoluto dell’istituzione europea ed ha festeggiato splendidamente il suo compleanno che cadeva proprio il giorno dell’elezione. L’eurodeputata maltese ha vinto una corsa che vedeva la partecipazione soltanto di donne e la sua elezione era abbastanza scontata, con i voti ricevuti che hanno permesso di superare largamente la cifra richiesta per l’elezione al primo turno, 309 voti, cioè la maggioranza assoluta dei membri del parlamento. Con lei si va a creare una forza femminile compatta alla guida delle principali istituzioni europee, aggiungendosi a Ursula von der Leyen e alla francese Christine Lagarde che presiede la Banca Centrale Europea. Le deputate presenti all'assemblea di Strasburgo sono attualmente il 40,4% degli eurodeputati e questa percentuale è la più alta di sempre, dopo che nella prima elezione era soltanto del 15,9%. La precedente presidente donna fu Nicole Fontaine, eletta 22 anni fa a distanza di 20 anni dalla prima in assoluto, Simone Veil. Roberta Metsola ricopriva la carica di primo vicepresidente dell’Aula e con questa ha svolto la funzione di "reggente" dopo la morte di David Sassoli ed era stata scelta dal suo gruppo come candidata alla presidenza nello scorso mese di novembre.

Il discorso di insediamento

Nel suo discorso d’insediamento, la neo presidente dell’Europarlamento ha ricordato il suo predecessore, dichiarando di volerlo onorare battendosi sempre sia per l’Europa, che per i suoi valori. Roberta Metsola ha anche dichiarato che l’isolazionismo e il nazionalismo sono soltanto delle false illusioni e non danno soluzioni certe per i problemi che devono essere affrontati. Per l’eurodeputata maltese l’Europa rappresenta proprio l’opposto di questo pensiero. La volontà è dunque quella di avvicinare tra loro i vari popoli che la compongono e difendere i principi che furono delle "madri fondatrici" e dei "padri fondatori". Le diversità, ha proseguito la neo presidente, non devono essere divisive, ma rendere invece più forte l’insieme. Nel suo discorso Roberta Metsola ha ricordato anche le due donne che l’hanno preceduta nella carica e assicurato che non sarà necessario aspettare altri 20 anni prima di vedere un’altra donna alla presidenza dell’Europarlamento. Citando il cancelliere tedesco Konrad Adenauer, la neopresidente ha elencato le priorità del suo mandato, dalla lotta al cambiamento climatico all’impegno per le nuove generazioni, all’abbattimento dei muri che ancora esistono all’interno dell’Unione.

La vita privata e la biografia di Roberta Metsola

Nata nell’isola di Malta nel 1979, Roberta Metsola è una brillante avvocatessa con grande esperienza nel diritto europeo. Sposata con un uomo d’affari finlandese, la Metsola ha 4 figli ed è stata eletta eurodeputata nelle elezioni del 2013, al suo terzo tentativo. Lei stessa si è sempre definita una progressista "pro-Lgbt+" e attenta sostenitrice dei diritti delle donne, anche se ha sempre espresso una chiara posizione contro l’interruzione di gravidanza che nel suo Paese è illegale. Da presidente dell’Europarlamento Roberta Metsola ha dichiarato che le sue posizioni personali saranno messe da parte e che la sua linea sarà quella dettata dal Parlamento e che il suo impegno sarà quello di promuoverle sia all’interno dello stesso che all’esterno.

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...