<?php echo e($model->title); ?>

Elton John: come nasce (e matura) una stella

Bernie è tornato con un album che celebra la sua storia

Di Davide Sechi

Fine anno e anche fine di una fase di gloriosa carriera. E quindi strenne natalizie e consuntivi, tra memorie, nostalgie e curiosità. Sir Reginald Kenneth Dwight, più comunemente noto come Elton John, si volta ancora una volta indietro e consegna ai posteri un album di fotografie, definitivo. Si tratta di Jewel Box, cofanetto deluxe, composto da 8 cd più un libro, (ma disponibile anche in formato vinile, 10 LP) capace di ripercorrere in profondità l’esistenza artistica di uno dei più grandi compositori popolari degli ultimi 100 anni.

La struttura dell'album
Un’opera quantitativamente enorme, ben 148 canzoni, che nasconde, tra le pieghe non poche rarità. Divisa in quattro segmenti, nella prima parte, intitolata Deep Cuts, contiene una serie di ballad tratte dai suoi album che rivelano la maestria del duo John-Bernie Taupin, amico e paroliere del pianista di Pinner; eleganza, classe, artigianato modellato alla perfezione. Ma è la seconda sezione che cambia le carte in tavola e che spinge il progetto direttamente sotto l’albero: tre dischi di rarità registrate tra il 1965 e il 1971, i cosiddetti demo nei quali si assiste alla progressione del duo di cui sopra, tra take ruvide, tagliate, rimescolate. E i tifosi più accaniti avranno di che gioire anche nell’immediato proseguimento, grazie a due dischi capaci di raccogliere tutte le b-sides dei 45 giri dell’artista, brani vaganti, sparpagliati e anche persi. Il tutto si chiude con And This Is Me..., una colonna sonora, composta da 16 tracce dell’autobiografia “Me”, realizzata nel 2019. “Guardo sempre avanti – ha detto Elton - ma il lockdown mi ha spinto a riflettere sul passato. E poi, anche io sono un collezionista di dischi”.

Bernie is back e vi aspetta per cantare insieme a squarciagola

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...