<?php echo e($model->title); ?>

Artrite, 8 supercibi per combatterla

L’artrite, in particolare quella reumatoide, è un disturbo cronico complesso

Di Valeria Cudini

Prima di pensare a come poter intervenire cerchiamo di conoscere che cos’è l’artrite.

L’artrite è una malattia infiammatoria delle articolazioni e può interessarne una o più. Si distingue in acuta o cronica. Quello che è importante sapere è che esistono diversi tipi di artrite, tra cui la più nota è, senza dubbio, l’artrite reumatoide.

L’artrite reumatoide è un’infiammazione cronica delle articolazioni la cui causa è tuttora sconosciuta. Di certo sappiamo che è una malattia autoimmune, ovvero causata da una disfunzione del sistema immunitario che induce l’organismo ad attaccare i propri tessuti, e che colpisce in modo particolare le donne.

L’artrite reumatoide: origine e sintomi

Tra le ipotesi legate ai fattori scatenanti è ormai quasi certo che giochino un ruolo determinante fattori sia genetici sia ambientali. Non c’è un’età in particolare in cui colpisce, si può spaziare dall’età pediatrica a quella più avanzata. Chi soffre di artrite reumatoide va incontro progressivamente a una deformazione delle articolazioni, condizione che può rendere estremamente difficoltoso svolgere anche semplici compiti quotidiani.

Il quadro infiammatorio si manifesta con dolore, rossore, gonfiore e rigidità delle articolazioni. A seconda poi del tipo di artrite che si ha, per esempio nel caso dell’artrite settica, a questi sintomi possono aggiungersi brividi, febbre o, se si tratta di gotta, si possono manifestare dei “tofi” (tumefazioni).

L’artrite reumatoide è una patologia fortemente invalidante in quanto si tratta di una malattia sistemica, ovvero può colpire vari organi e apparati provocando varie complicanze.

Le cure tradizionali e l’alimentazione che cura

A oggi non esiste una cura che possa guarire in via definitiva da questa malattia. Si può ricorrere a farmaci antinfiammatori non steroidei (i cosiddetti FANS), ad alcuni corticosteroidi, ai farmaci biologici, che hanno come bersaglio i fattori coinvolti nella risposta immunitaria, e alla fisioterapia.

Le ultime conquiste terapeutiche, unite a uno stile di vita corretto, hanno consentito di rallentare il progredire della malattia e di attenuarne la sintomatologia.

Si è poi visto che, all’interno di un’alimentazione corretta basata sulla dieta Mediterranea, esistono dei cosiddetti supercibi in grado di abbassare le citochine, ovvero quelle sostanze che permettono di regolare i processi infiammatori, ridurre lo stress ossidativo e migliorare la rigidità articolare.

I supercibi: preziosi alleati per attenuare i sintomi dell’artrite

Vediamo di scoprire questi supercibi, le loro proprietà e perché, quindi, sono particolarmente indicati per mitigare i sintomi dell’artrite.

  1. Cereali integrali: perché sono ricchi di micronutrienti tra cui sali minerali, vitamine e antiossidanti che implementano le difese immunitarie e riducono l’infiammazione proteggendo le cellule dall’attacco dei radicali liberi.
  2. Curcuma: perché contiene un principio attivo, la curcumina, che si comporta da antinfiammatorio naturale. Inoltre, gli antiossidanti che contiene rafforzano le difese naturali dell’organismo limitando le infiammazioni acute e migliorando quelle croniche.
  3. Zenzero: da studi svolti all’Università di Miami risulta che l’assunzione per almeno 6 settimane di seguito migliora sensibilmente il dolore articolare.
  4. Melagrana: è uno scrigno prezioso ricco di vitamine, polifenoli e minerali che contrastano l’azione dei radicali liberi e dunque l’invecchiamento cellulare.
  5. Olio extravergine di oliva: è in generale un alleato preziosissimo per la nostra alimentazione alla base della dieta Mediterranea. In particolare, polifenoli e vitamina E proteggono l’integrità cellulare e contrastano lo stress ossidativo cellulare.
  6. Te’ verde: è una bevanda perfetta per contenere il naturale processo di invecchiamento cellulare, oltre a essere ricchissimo di bioflavoinoidi e polifenoli.
  7. Mirtilli: sono potenti antinfiammatori naturali e, se assunti in buone quantità, contrastano lo stress ossidativo all’origine delle malattie croniche.
  8. Prugne secche: ricche di vitamina A, di antiossidanti e di vitamina K e potassio che migliorano la formazione di calcio nelle ossa diminuendo il rischio di osteoporosi.

 

 

 

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...