<?php echo e($model->title); ?>

La 'Palestra dei fighters', al via il canale di allenamento online

Istruttori specializzati per la disabilità, sempre al tuo fianco.

Di Cocooners

Se c’è un’eredità buona lasciata dall’emergenza covid-19 è stata l’esplosione prevedibile delle lezioni di ‘digital fitness’ e la maggiore consapevolezza del mantenimento della salute fisica e mentale. E così la pandemia ha accelerato l'adozione di un modello ibrido di servizi online/di persona trainati dai casi di successo americani, come Peloton e Mirror, che è probabile che rimanga anche ad emergenza conclusa: si stima infatti che la prossima normalità per il settore dello sport sarà definita da fattori come l’e-commerce, l'aumento della domanda di prodotti sostenibili e della partecipazione a una fruizione individuale dell’esercizio fisico.

Fonte grafico: LEK consulting, US - cambiamento nella spesa mensile media dall'inizio dell'epidemia di COVID-19

Ma se per la maggior parte dei consumatori si parla di uno o due anni costretti a trascorrere mesi rinchiusi a casa, facendo poco esercizio fisico e con le palestre chiuse, per le persone con disabilità questo scenario rappresenta la normalità: l’ultima rilevazione Istat ci ricorda che solo l’8,5% delle persone con disabilità in Italia pratica un’attività sportiva in maniera continuativa e l’emergenza non ha alterato le abitudini di vita quotidiana, se non peggiorate a causa dell’interruzione forzata di molti servizi legati alla salute, considerati differibili. Le barriere all’ingresso e all’adozione di una buona pratica di movimento sono molteplici per le persone con disabilità e si evidenziano fin dalla prima infanzia: la difficoltà a seguire un programma di esercizi a casa con il proprio figlio, gli orari dei servizi dedicati che non coincidono mai con i ritmi della famiglia e del lavoro, la carenza di corsi e di professionisti non specializzati negli sport adattati, e ancora le strutture inaccessibili per distanza, barriere architettoniche o costi. 

E’ da questi bisogni che nasce la ‘Palestra dei fighters’, un canale di potenziamento online disegnato da FTS in collaborazione con i fondatori di Fightthestroke, e da una rete di famiglie e professionisti che conoscono e vivono tutti i giorni le esigenze delle persone con disabilità. Una palestra virtuale che coglie i trend emergenti della ‘Digital-enabled fitness’ e delle comunità online che si ritrovano per allenarsi da casa e che mette in pratica le evidenze scientifiche sull’esercizio motorio per le persone con disabilità: un trattamento individualizzato e adattato può rappresentare un’alternativa valida e complementare alle attività sul territorio, e noi ti offriamo questa possibilità portando a casa tua i migliori esperti di settore.

Che cos’è la Palestra dei fighters?

È un ambiente di allenamento online con i migliori professionisti in attività adattate e per tutte le persone con disabilità permanente o temporanea, di ogni età. 

Quali lezioni è possibile seguire oggi sulla Palestra dei fighters?

Le lezioni disponibili al lancio della piattaforma sono con istruttori specializzati in Sport adattato, Danza e para-Taekwondo, Fisioterapia Neurologica, Terapia occupazionale e Musicoterapia; prevediamo di estendere il progetto a Logopedia, Psicologia e supporto genitoriale, Teatro.

Perchè la Palestra dei fighters è un servizio innovativo?

Inclusione e valorizzazione delle diversità: è un servizio accessibile a persone di diverse età e con diversi tipi di disabilità, motorie, sensoriali o intellettivo-relazionali.

Prezzi democratici e sostenibilità sul mercato: è un modello direct-toconsumer finanziato grazie ad una campagna di raccolta fondi portata avanti in piena pandemia, che trova però la sua sostenibilità sul mercato ed offre lezioni a prezzi democratici, a partire da 25€.

Un segmento in crescita e a forte impatto sociale: gli ‘adaptive o parasports’ rappresentano un segmento di mercato ancora poco presente in Italia e un potenziale di 2 miliardi di consumatori di servizi adattati in tutto il mondo; la ‘Palestra dei fighters’ è un servizio disegnato per sostenere l’imprenditorialità di giovani professionisti ma anche per permetterne l’accessibilità economica alle famiglie con una persona con disabilità. Coerente con la missione di Fightthestroke, la Palestra dei fighters risponde anche all’art. 30 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, in cui si incoraggiano gli stati membri alla partecipazione delle persone con disabilità allo sport, indipendentemente dalle abilità di partenza.

Credibilità e ubiquità: anni di esperienza con la piattaforma di teleriabilitazione Mirrorable e con le attività del FightCamp hanno dimostrato che l’attività fisica adattata, sostenuta in maniera intensiva, può far corrispondere i punti di forza e gli interessi personali con le attività appropriate, promuovendo così la piena partecipazione all'attività fisica delle persone con disabilità, da qualsiasi parte del mondo e nella comodità della propria abitazione.

Una squadra agile, tutta al femminile, età media 30 anni, conoscenza di più lingue e con professionalità che vanno dalle diverse discipline sportive adattate fino alla terapia fisica, occupazionale o attraverso la musica.

Per tutto il periodo di lancio, è possibile accedere a lezioni gratuite di orientamento, nell’orario e con il professionista che preferisci:
mettiti in movimento, mettici alla prova!

Per maggiori informazioni:

- Sito web dedicato: https://www.ftssrl.eu/palestra-fighters
- FAQ per gli utenti della piattaforma: https://www.ftssrl.eu/faq-utenti-ita
- Hashtag di riferimento: #palestrafighters #sportadattato #attivitàadattate #parataekwondo #danza #danzaadattata #musicoterapia #fisioterapianeurologica #terapiaoccupazionale

FTS - fight the stroke


FTS srl è il punto di incontro tra scienza e tecnologia per rispondere ai problemi delle famiglie e delle persone con disabilità.
FTS è una società a responsabilità limitata, registrata a Milano il 7/6/2019 con l’obiettivo di sviluppare, produrre e commercializzare prodotti, servizi e soluzioni innovative ad alto valore tecnologico, nel settore della cura e dell'assistenza a soggetti con danni neurologici, malattie del neurosviluppo, epilessia, patologie neurologiche complesse, o comunque a soggetti tipici e con bisogni speciali. Al fine di realizzare l'oggetto sociale la società svolge ad oggi le seguenti attività:

• organizza eventi, anche di natura scientifica, formativa o culturale, come la giornata divulgativa CALL4BRAIN e l’evento TEDXViaGluckStudio;

• propone soluzioni di lezioni di attività adattate a distanza e di edutainment, come nel progetto LA PALESTRA DEI FIGHTERS;

• sviluppa soluzioni innovative di digital therapeutics, come le piattaforme Mirrorable e MirrorHR;

• collabora con la Fondazione Fightthestroke su progetti di Ricerca e Sviluppo coerenti con la propria missione.

Fightthestroke Foundation

Francesca Fedeli e Roberto D’Angelo sono i co-fondatori di Fightthestroke.org, un movimento che supporta la causa dei giovani sopravvissuti all’ictus e con una disabilità di Paralisi Cerebrale Infantile, come il loro piccolo Mario. La loro storia è raccontata nel libro ‘Lotta e sorridi’, edito da Sperling&Kupfer nel 2015 e tradotto in tedesco per Bastei Lubbe nel 2018. La diagnosi precoce e nuove tecniche riabilitative basate sull’applicazione della tecnologia alla medicina, così come l’attivismo per una società inclusiva delle neurodiversità, rappresentano solo alcune delle battaglie portate avanti da Fightthestroke, una Fondazione che continua a far conoscere la propria storia attraverso eventi di risonanza mondiale come il TED Global (2013) e il World Business Forum (2015). Fightthestroke partecipa attivamente alle conversazioni internazionali su innovazione scientifica e sociale e fa parte del Board of Directors dell’International Alliance for Pediatric Stroke; è stata selezionata come finalista a numerosi premi locali e internazionali, tra cui l’Eisenhower Fellowship per l'Innovazione (2014) e la prima Ashoka Fellowship (2015) e Global Good Fund Fellowship (2017) italiana, entrando a far parte della più grande rete globale di imprenditori sociali. Fightthestroke è TEDMED ambassador per il Live event dal 2014 al 2020, promotrice del primo Hackathon in Medicina in Italia e nel 2017 ha sostenuto l’apertura del primo Centro Stroke per il neonato e il bambino, in collaborazione con l’Ospedale Gaslini di Genova.

Contatti per le relazioni con i media:
Francesca Fedeli – [email protected]

comments icon 0 commenti
Vuoi lasciare un commento? accedi
Loading...